Borsa. Nuovo salvagente Fed sostiene i listini. Bene Milano (+1,4%) con Fca

Piazza Affari

Piazza Affari

Milano, 9 aprile – Chiusura in rialzo per le Borse del Vecchio Continente dopo la nuova mossa della Federal Reserve, aspettando l’esito dell’Eurogruppo e della riunione Opec+, che ha messo in fibrillazione il prezzo del greggio sperando in un accordo sui tagli alla produzione. A Piazza Affari il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in rialzo dell’1,39%, ha fatto ancora meglio il Dax30 a Francoforte (+2%). Bene anche il Cac40 a Parigi e buoni progressi per Madrid e Londra. Oggi pomeriggio la Federal Reserve ha lanciato un nuovo pacchetto di misure per fornire prestiti fino a 2.300 miliardi di dollari per ‘sostenere l’economia’. La Banca centrale Usa ha detto che i nuovi finanziamenti serviranno ad aiutare famiglie e imprese ma anche gli Stati e gli enti locali durante la pandemia di coronavirus. L’annuncio ha superato l’attesa per i dati sul mercato del lavoro: le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono state 6,6 milioni, contro una attesa per 5 milioni. In Europa intanto si aspetta l’Eurogruppo, con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, che ha ribadito il no della Germania ai coronabond, indicando comunque che un’ intesa è vicina. A Piazza Affari, tra i titoli, gli acquisti hanno premiato Fca (+5%), all’indomani della lettera agli azionisti di Exor da parte del presidente John Elkann che ha confermato la volontà di procedere all’integrazione con Psa. Giornata positiva per il prezzo del petrolio, aspettando certezze sulla produzione, con indiscrezioni di un possibile accordo tra Arabia Saudita e Russia. Dopo essere balzato del 10% il contratto sul Wti consegna a maggio ha rallentato sul finale e vale 25,87 dollari al barile (+3%), quando quello consegna Giugno sul Brent del Mare del Nord vale 33, 3 dollari al barile. Sul fronte dei cambi, infine, la moneta unica si è rafforzata a 1,0928 dollari (1,0864 in avvio e 1,0870 e alla vigilia), e passa di mano a 118,492 yen (118,25 e 118,46), con il biglietto verde che vale 108,422 yen (108,93 e 108,69).

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


otto + = dieci

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>