Borsa. Vittoria Tory spinge l’Europa, Milano unica in rosso con le banche

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

Milano, 13 dicembre – La netta vittoria di Boris Johnson nelle elezioni politiche britanniche, che spiana la strada per una Brexit entro il 31 gennaio, ha fatto volare i listini europei ma soltanto in mattinata. Nel pomeriggio, complice anche l’andamento incerto di Wall Street, le Borse del Vecchio Continente hanno rallentato il passo: Parigi e Francoforte hanno chiuso in rialzo di circa mezzo punto, Milano addirittura in rosso (-0,26%) dopo avere cambiato più volte direzione, Londra è stata la migliore, con un guadagno superiore all’1%. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Bankitalia: stime PIL al rialzo per il 2019 ma in lieve calo nel prossimo biennio

Palazzo Koch sede della Banca d'Italia a Roma

Palazzo Koch sede della Banca d’Italia a Roma

Il Prodotto Interno Lordo è in crescita dello 0,2% nella media di quest’anno e si rafforzerebbe gradualmente nei tre anni successivi, portandosi allo 0,5% nel 2020, allo 0,9% nel 2021 e all’1,1% nel 2022. Così si legge nelle Proiezioni macroeconomiche per l’economia italiana nel quadriennio 2019-22 elaborate dagli esperti della Banca d’Italia secondo cui rispetto alle precedenti proiezioni, pubblicate nel Bollettino economico di luglio, la stima è marginalmente più elevata per il 2019, riflettendo le informazioni più favorevoli disponibili per i primi nove mesi dell’anno, e lievemente inferiore nel 2020 e nel 2021, a seguito degli effetti della più accentuata debolezza del quadro internazionale, in larga parte, ma non interamente, compensati dallo stimolo proveniente dai più bassi tassi di interesse. Continua a leggere

Pubblicato in Economia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Ambrosetti AM Sim. Il 2019 si chiude in un clima sereno. Analisi di Alessandro Allegri

La Borsa di Wall Street a New York

La Borsa di Wall Street a New York

I segnali emersi sui mercati nel mese di novembre vanno a confermare i presupposti rialzisti di inizio trimestre accompagnando i mercati verso la conclusione di un anno con risultati in generale molto soddisfacenti per gli investitori.
La direzione dunque resta quella sancita da un mercato azionario positivo, molto positivo, che amplifica le indicazioni rialziste di inizio anno e che sembra non incontrare difficoltà neppure di fronte a numeri di performance annua cumulata significativi che non si presentano certo abitualmente. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Jupiter AM. Elezioni inglesi: ora meno incertezza, voto cruciale per gli investitori

fotoQuelle di ieri erano senza dubbio elezioni molto importanti. Dal punto di vista degli investitori, sono state cruciali per due motivi. Innanzitutto, perché le politiche di Corbyn e McDonnell erano fortemente anti-investitori: basta pensare alle nazionalizzazioni, agli espropri effettivi dei beni, alle tasse straordinarie e a un aumento delle imposte societarie. Gli investitori, inclusi i fondi pensione, le persone fisiche e i fondi di beneficenza ne avrebbero sofferto. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , | Lascia un commento

Schroders. Voto inglese, positiva la reazione dei mercati. Commento di Azad Zangana e Sue Noffke

brexitQueste elezioni hanno portato una vittoria sorprendentemente netta per il Partito Conservatore. Di conseguenza, ci aspettiamo che il Regno Unito lasci l’Unione Europea come programmato il 31 gennaio 2020, utilizzando l’accordo di uscita attuale.  I rapporti commerciali, le frontiere e sostanzialmente ogni altro aspetto delle future relazioni con l’UE dovranno essere negoziati in seguito.  Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Hermes IM. L’impatto a breve e lungo termine del voto di ieri. Per il mercato britannico e non solo

FOTO BREXIT“Quella che è stata inquadrata come la tornata elettorale più importante di un’intera generazione ha conferito un mandato molto chiaro ai Conservatori per procedere sul cammino della Brexit. Anche se sembra semplice, l’attuazione non sarà facile. Una volta approvato l’accordo di uscita dall’UE – che ora è quasi certo avverrà entro la fine di gennaio – l’incertezza sulla conclusione del percorso si protrarrà e il percorso sarà probabilmente lungo e accidentato. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , | Lascia un commento

Edmond de Rothschild. Elezioni inglesi, i riflessi sul mercato

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

Il popolo britannico ha raggiunto il proprio verdetto, Boris Johnson è il grande vincitore e questa volta tutto è chiaro: questa è l’uscita. Più che un voto a favore del partito Conservatore, il risultato elettorale conferma il desiderio britannico di lasciare l’Unione europea. Stanchi di una serie di colpi di scena senza fine, i Britannici non volevano tornare a una nuova sfida su Brexit. La vittoria indiscutibile dei Conservatori permette quindi di considerare l’uscita dall’Unione europea con la data ufficiale del 31 gennaio 2020 come primo passo. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , | Lascia un commento

T. Rowe Price. Brexit sempre più vicina, ma il vero lavoro inizierà solo dopo il 31 gennaio. Articolo di Quentin Fitzsimmons

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

La maggioranza ottenuta dal Partito Conservatore di Boris Johnson alle elezioni britanniche di ieri rende molto probabile un’uscita del Paese dall’UE il 31 gennaio 2020. Il Primo Ministro Johnson necessita ancora dell’approvazione da parte del Parlamento della timetable per il Withdrawal Agreement Bill (approvato a ottobre), ma vista la sua ampia maggioranza è molto probabile che la otterrà. Tuttavia, siamo solo alla fine dell’inizio. Il vero lavoro di negoziazione sulle relazioni commerciali future con l’UE deve ancora avvenire e potrebbe diventare molto complesso.

I tre possibili scenari per Brexit Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

GAM. Commento sui risultati delle elezioni nel Regno Unito

Boris Johnson

Boris Johnson

“Le elezioni nel Regno Unito hanno restituito una solida maggioranza al partito conservatore. Riteniamo che questo sia un esito positivo per le aree chiave del mercato azionario britannico, tra cui le società più orientate al mercato interno. Inoltre, il settore delle utility era stato esposto alla potenziale politica di nazionalizzazione dei laburisti – questo rischio è ora fuori discussione. Analogamente, le banche erano state interessate dalla proposta sempre laburista di un aumento delle imposte di settore. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Unigestion. Implicazioni per i mercati dall’esito delle elezioni inglesi

Il Primo ministro i lese, Boris Johnson

Il Primo ministro i lese, Boris Johnson

Dopo aver ottenuto la più ampia maggioranza parlamentare dal 1987, il Primo Ministro Boris Johnson ha ricevuto un mandato molto chiaro per portare a termine il ragionevole accordo sulla Brexit firmato con l’Unione europea in ottobre. Inoltre, la vittoria assolutamente inequivocabile del Brexiteers gli dà la flessibilità per perseguire qualsiasi tipo di relazione futura con l’UE – stretta o meno – che i Tories riterranno essere a vantaggio del Regno Unito. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Mainstreet Partners. Nel turbine della plastic tax, occhio alla transition degli imballaggi. Commento di Susanna Coutinho

plastic-tax20Il dibattito intorno alla plastic tax in Italia ha monopolizzato la discussione politica degli ultimi mesi. Se Inizialmente sembrava che il peso della tassazione si sarebbe imposto senza possibilità di scampo sull’industria italiana, poi è arrivato l’annuncio di un netto ridimensionamento della normativa: la tassa è stata più che dimezzata (da 1 euro a 45 centesimi per chilogrammo di plastica) e rinviata a luglio 2020. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Lascia un commento

Robeco. Le conseguenze politiche, economiche e di mercato delle elezioni inglesi. Commento di Jamie Stuttard

Il Parlamento inglese e il Big Ben

Il Parlamento inglese e il Big Ben

Robeco. Il semplice messaggio di “Get Brexit Done” ha dato al partito conservatore britannico la sua più grande maggioranza elettorale dal 1987 sotto la guida di Margaret Thatcher. Tra le regioni in cui la presenza del partito conservatore è cresciuta maggiormente troviamo le aree del nord dell’Inghilterra a favore della Brexit, con cambiamenti sostanziali alla tradizionale mappa politica del Regno Unito, in quanto alcuni seggi storici dei laburisti (il “muro rosso”) sono diventati in blu.  Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

GAM Investments. C’era una volta l’inflazione. Commento di Paolo Mauri Brusa

FOTO INFLAZIONEPochi giorni fa è morto Paul Volcker, storico Presidente della Federal Reserve che durante il suo mandato (1979-1987) riuscì, grazie ad una drastica e dolorosa politica monetaria restrittiva (denominata Volcker shock), ad abbattere in soli 3 anni l’inflazione americana da oltre il 13% raggiun­to nel marzo del 1980 al 3,2% nel 1983. Volcker innalzò il tasso ufficiale di sconto fino al 21,5%, mossa che contribuì in modo decisivo alla doppia recessione del ‘80 e ’81 e che portò la disoccupa­zione americana oltre il 10%.  Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento

WisdomTree. Boris Johnson ha vinto la scommessa. Commento di Aneeka Gupta

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

Il Primo ministro inglese, Boris Johnson

Dopo non essere riuscito a trasformare in legge il suo accordo di Brexit con l’UE, la scommessa di Boris Johnson sulle elezioni anticipate per sbloccare la situazione di stallo in Parlamento ha funzionato a dovere. Il suo mantra elettorale “Get Brexit Done” gli ha garantito la vittoria alle elezioni nel Regno Unito. Continua a leggere

Pubblicato in Economia, Finanza | Contrassegnato , , , | Lascia un commento