Borsa. Passi avanti Usa-Cina e ipotesi di un nuovo TLTRO spingono i listini. Milano alla grande (+1,9%)

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

Milano, 15 febbraio – Piazza Affari sfonda quota 20mila punti nel Ftse Mib, che tocca i massimi da inizio ottobre, sulla scia delle aperture della Bce, attraverso le parole del membro del direttivo Coeurè, a nuove misure per supportare la liquidità delle banche e dei segnali positivi sull’andamento del negoziato Usa-Cina. Tutte in rialzo le Borse europee spinte in primo luogo dalle banche, ma anche da minerari e auto. Il Ftse Mib ha guadagnato l’1,9%. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Bce. Coeurè apre la porta ad una possibile asta TLTRO. “E’ possibile”

Nella foto la Bce a Francoforte sul Meno

Nella foto la Bce a Francoforte sul Meno

Milano, 15 febbraio – Il membro del consiglio direttivo della Bce Benoit Coeure ha spiegato in un discorso pronunciato al Council on Foreign Relations di New York che la banca centrale europea sta discutendo della possibilità di lanciare nuove aste per fornire nuova liquidità a basso prezzo alle banche che il prossimo anno dovranno rimborsare i fondi presi a prestito nelle aste precedenti. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Hedge Invest Sgr. Africa, il sole torna a splendere su Egitto e commodity. Commento di Erik Renander

Erik Renander, gestore del fondo HI Africa Opportunities, Hedge Invest Sgr

Erik Renander, gestore del fondo HI Africa Opportunities, Hedge Invest Sgr

L’estremo pessimismo verso i mercati africani emerso alla fine dello scorso anno, sommato a valutazioni estremamente attraenti, ha creato condizioni favorevoli per aumentare l’esposizione a quest’area e ha dato origine a numerose opportunità.  Il primo Paese che vale la pena considerare è la Nigeria. Febbraio sarà un mese molto importante: domani, 16 febbraio, l’imprenditore Atiku Abubakar si scontrerà con il Presidente Muhammadu Buhari nelle elezioni nazionali.  Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Banca d’Italia. Peggiora il debito pubblico italiano: nel 2018 su base annua è aumentato di 53,2 miliardi a 2.316,7 miliardi

1426804925330.jpg--chiude_la_filiale_della_banca_d_italia__ecco_i_servizi_che_restanoLa Banca d’Italia diffonde le stime del debito e del fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche per l’anno 2018. Al 31 dicembre del 2018 il debito delle Amministrazioni pubbliche era pari a 2.316,7 miliardi; a fine 2017 il debito ammontava a 2.263,5 miliardi (131,2 per cento del PIL). L’aumento del debito nel 2018 (53,2 miliardi) ha riflesso il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (40,6 miliardi) e il lieve incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (5,8 miliardi, a 35,1). Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , | Lascia un commento

Wisdom Tree. Oro, il sentiment rialzista degli investitori raggiunge nuovi massimi

FOTO OROIn un contesto di volatilità ciclica dei mercati, gli investitori cercano esposizioni sull’oro, un asset spesso considerato in ottica di copertura difensiva. Gli investitori in ETP leva long e short (S&L) hanno gradualmente aumentato il loro atteggiamento rialzista nei confronti dell’oro dalla prima metà del 2017, raggiungendo livelli record nel 2019. Continua a leggere

Pubblicato in Oro e diamanti | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Aegon Am. La demografia frena la Germania. Articolo di Jordy Hermanns

Jordy Hermanns, gestore multi-asset di Aegon Asset Management

Jordy Hermanns, gestore multi-asset di Aegon Asset Management

Il segno meno visto nel terzo trimestre per la Germania è stato in forte contrasto con i trimestri precedenti, dato che la crescita tedesca dalla metà del 2013 si è sempre attestata intorno ad un +0,5% su base congiunturale. La debolezza dell’economia teutonica è legata a vari fattori. Come altri mercati sviluppati, la Germania ha sofferto il rallentamento globale e l’aumento dei rischi politici. Altre circostanze particolarmente gravose per l’economia del Paese si sono poi aggiunte al mix. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , | Lascia un commento

Mirabaud AM. Bond sovrani emergenti, ecco a quali paesi guardare nel 2019. Articolo di Daniel Moreno

Daniel Moreno, Head of EMD di Mirabaud Asset Management

Daniel Moreno, Head of EMD di Mirabaud Asset Management

Le prospettive per il debito dei mercati emergenti nel 2019 sono positive, in parte per il fatto di essere partiti da un base molto più bassa, ma anche per il miglioramento della crescita del PIL rispetto ai mercati sviluppati. Il recente aggiornamento del FMI di gennaio ne è un esempio. La crescita nelle economie avanzate è stata rivista in calo dello 0,3% al 2% nel 2019 mentre le proiezioni per i mercati emergenti sono state corrette al ribasso dello 0,2% al 4,5% nel 2019. Questo sarà il quarto anno consecutivo in cui i differenziali sono aumentati, dopo un periodo di 6 anni tra il 2010 e il 2015 in cui si erano ridotti. Un’escalation delle tensioni commerciali e un peggioramento delle condizioni finanziarie sono i rischi maggiori per queste economie, tuttavia riteniamo che le valutazioni attuali includano già la maggior parte di questi fattori. Anche il rischio politico potrebbe essere una fonte di volatilità con le elezioni in Paesi chiave come Indonesia, India, Sudafrica e Argentina. Continua a leggere

Pubblicato in Finanza | Contrassegnato , , | Lascia un commento