Borsa. L’Europa si riscatta sul finale, a Milano (+38%) tiene Banco Cattolica

Piazza Affari

Piazza Affari

Milano, 25 giugno – Seduta a ostacoli per le Borse europee che chiudono al rialzo ma hanno dovuto fare i conti con gli effetti delle fosche previsioni macro dell’Fmi, l’impennata dai casi Covid negli Usa e la debolezza di Wall Street, stupita da un aumento inatteso dei sussidi di disoccupazione. Davanti a una ripresa post-lockdown che appare più traballante, e col fantasma dei dazi Usa tornato alla ribalta, gli investitori si sono potuti, però, rifugiare nelle parole rassicuranti della Bce che ha definito il Qe “proporzionato” e con garanzie sufficienti (rispondendo così, seppur indirettamente, ai dubbi sollevati dalla Corte costituzionale tedesca). Rassicurazioni, non scontate, che sul finale di seduta danno lo sprint ai mercati, incrementando i guadagni. Piazza Affari, in preda alla volatilità per tutta la giornata, ha chiuso più indietro delle altre Borse con un rialzo dello 0,37% e lo spread a 177 punti (dopo aver toccato il picco dei 180). A Milano il caso del giorno è Cattolica volata del 38,1% a 4,98 euro dopo l’annuncio dell’accordo con Generali (+0,3%) che sottoscriverà un aumento riservato da 300 milioni e salirà al 24,4% della compagnia (a condizione che si trasformi in Spa). In cima al listino Nexi (+2,1%) all’indomani di un accordo con Google sugli SmartPos. Bene Tim (+1,4%) che ha concluso l’accordo con Ardian per la riorganizzazione delle quote in Inwit (+1,5%). Scatto sul finale anche per i bancari, da Banco Bpm (+2,3%) a Ubi (+2,1%) grazie alla Bce. Sul mercato dei cambi, il dollaro si conferma in recupero, con l’euro che perde quota a 1,121 dollari (da 1,1268 ieri in chiusura) ed è indicato a 120,245 yen (da 120,49). Il rapporto dollaro/yen è a 107,192 (106,91). In leggere risalita, infine, il greggio nonostante i dati sulle scorte americane, in aumento anche nell’ultima settimana: il Brent consegna agosto sale dello 0,5% a 40,5 dollari al barile, mentre il Wti è scambiato a 38,2 dollari (+0,4 per cento).

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sei + = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>