L’Abi chiede al presidente della Bce Draghi di mitigare gli effetti negativi sulle banche della politica monetaria

Nella foto, da sinistra l'ex ministro del Tesoro, Giovanni Tria, in piedi il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, e il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco

Nella foto, da sinistra l’ex ministro del Tesoro, Giovanni Tria, in piedi il presidente dell’Abi, Antonio Patuelli, e il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco

Roma, 11 settembre – Le banche italiane chiedono alla Bce misure per mitigare gli effetti negativi sulla redditività che potrebbero derivare da un’ulteriore misura espansiva della politica monetaria. La richiesta è in una lettera inviata a Mario Draghi e al Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco dal presidente dell’Abi Antonio Patuelli e dal direttore generale Giovanni Sabatini. “Nell’attuale situazione e nelle more di più decise azioni da parte dei governi europei di rilancio dell’economia, le banche operanti in Italia desiderano rappresentare la necessità che la prosecuzione di una politica monetaria altamente accomodante sia accompagnata da misure che ne mitighino gli effetti negativi sulla redditività delle banche, quali, ad esempio, un sistema a più livelli per la remunerazione delle riserve detenute presso la Banca Centrale”. La lettera dei vertici dell’Abi è stata inviata a Draghi e Visco a due giorni dalla riunione del Consiglio della Bce che potrebbe decidere ulteriori misure espansive per cercare di riportare le aspettative di inflazione verso l’obiettivo fissato da Francoforte ‘vicino al 2 per cento’. Nella lettera Patuelli e Sabatini sottolineano come “la trasmissione della politica monetaria accomodante sulle imprese e sulle famiglie, attraverso il canale del credito, possa oggi trovare ostacoli in misure regolamentari che, pur nel condivisibile obiettivo di aumentare la stabilità del settore bancario, riducono fortemente la capacità di erogare credito soprattutto alle imprese di più piccole dimensioni e che maggiormente soffrono nelle fasi di ciclo economico negativo”.

 

Questa voce è stata pubblicata in Economia, Finanza e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette + = quattordici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>