UBP. 2019, affrontare la volatilità con gli alternativi

mercatiCon il calo del 17% delle azioni globali nel quarto trimestre del 2018, seguito da un rimbalzo del 7% nel nuovo anno, gli investitori sono stati sulle montagne russe negli ultimi mesi. Tuttavia, contestualizzando questo calo, il declino delle azioni statunitensi è simile per ampiezza dei movimenti a quelli visti nelle precedenti correzioni post 2008. Ulteriori declassamenti alle aspettative di utile rimangono il principale vento contrario alle azioni globali all’inizio di questo 2019, mentre i rendimenti dei titoli di Stato appaiono eccessivamente compressi. Pertanto, con importanti venti contrari, tra cui un atteggiamento più restrittivo da parte della Federal Reserve, valutazioni eccessive e un sentiment eccessivamente ottimistico che è perdurato fino a fine dicembre, pensiamo che siano state poste le basi per l’emergere sul mercato di rendimenti più guidati dai fondamentali.

Il contesto di un’economia globale in decelerazione e di prospettive più modeste in termini di utili tuttavia permane. Se da un lato i mercati possono ora essere caratterizzati da valutazioni meno estreme per tutte le asset class, questi devono comunque confrontarsi con condizioni finanziarie più rigide di quelle osservate fra il 2017 e il 2018.

Pertanto, con aspettative di rendimento moderato per la maggior parte delle asset class, queste condizioni finanziarie più restrittive suggeriscono che episodi come il picco di volatilità del quarto trimestre dello scorso anno non dovrebbero essere considerati come un caso isolato. Dovrebbero invece essere visti come una nuova e probabilmente persistente caratteristica del contesto di mercato che ci aspetta.

Di conseguenza, continuiamo a credere che gli investitori dovrebbero cercare di far ruotare i portafogli dalle opportunità direzionali e prendere in considerazione strategie alternative che dovrebbero contribuire ad ammortizzare i rendimenti nel corso di questi episodi periodici di elevata volatilità. Inoltre, opportunisticamente, le strategie che offrono un’esposizione asimmetrica – rischio di capitale protetto o ribassista contro la partecipazione al rialzo sui mercati – possono offrire vantaggi simili agli investitori in un contesto di mercato volatile.

Norman Villamin, CIO Private Banking and Head of Asset Allocation di Union Bancaire Privée (UBP)

Questa voce è stata pubblicata in Economia, Finanza e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

1 Response to UBP. 2019, affrontare la volatilità con gli alternativi

  1. Marco scrive:

    Davvero interessante :) Grazie

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + nove =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>