Borsa. Tonfo Atlantia (-8,2%) schiaccia Milano (-1,98%), oltre ai timori per l’aumento dei contagi negli Stati Uniti

Piazza Affari

Piazza Affari

Milano, 9 luglio – Chiusura in calo per le Borse europee, intimorite ancora dalla diffusione dei contagi da coronavirus nel mondo e dalle prospettive per l’economia. Oltreoceano hanno creato allarme i sussidi alla disoccupazione, che pur essendo calati nel corso dell’ultima settimana, rimangono complessivamente elevati: al 27 giugno erano superiori ai 18 milioni. In più negli States i contagi si sono spinti al livello record di oltre 3 milioni. Sullo sfondo l’attenzione rimane concentrata anche sulle presidenziali del prossimo autunno, con i candidati Joe Biden e Donald Trump sotto la lente. L’inquilino della Casa Bianca sarà oggetto di nuove verifiche da parte della Procura distrettuale di Manhattan sulla sua situazione fiscale. Milano ha chiuso in calo dell’1,98%, anche se lo spread è sceso in area 161 punti. E’ andata meglio Francoforte che ha difeso le posizioni. A Piazza Affari Atlantia ha catalizzato l’attenzione: i titoli hanno perso l’8,2%, risentendo della decisione della Corte Costituzionale di giudicare legittima l’esclusione della controllata Autostrade per l’Italia dalla ricostruzione del ponte di Genova. Posizione che mette in serio dubbio un rinnovo della concessione da parte del Governo. Segno meno anche per Diasorin (-4,3%) che va in controtendenza rispetto alla maggior parte del comparto farmaceutico europeo, non riuscendo a sfruttare la notizia che il Regno Unito ha scelto il test sierologico della società italiana per realizzare uno screening della popolazione d’Oltremanica. Vendite anche su Leonardo (-4,3%9 e sulle azioni delle banche. In controtendenza Campari (+1,7%) e St (+1,2%). Sul fronte dei cambi, l’euro ha perso quota nei confronti del biglietto verde: vale 1,1297 dollari (1,1318 la vigilia): la moneta unica passa inoltre di mano a 121,17 yen (121,63), mentre il biglietto verde vale 107,27 yen (107,266 e 107,49). In forte calo anche il petrolio: il Wti, contratto con consegna ad agosto, va giù del 2,9% a 39,72 dollari al barile.

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ cinque = sei

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>