Bankitalia: ‘investimenti -15% in 2020, in worst case scenario tonfo -19,5%

banca-dItalia-sede-640“Gli investimenti, risentendo della incertezza sulle prospettive dell’attività economica, scenderebbero del 15 per cento nel 2020 e recupererebbero circa due terzi della diminuzione nel biennio successivo”. E’ quanto emerge dalle Proiezioni Macroeconomiche di Bankitalia, in riferimento allo scenario di base. Nel worst case scenario, invece, gli investimenti crollerebbero del 19,5%, per scendere anche nel 2021 con -1,4% e riprendersi soltanto nel 2022 con un rialzo del 7,9%. Le esportazioni di beni e servizi si ridurrebbero di quasi il 16 per cento nel 2020, riflettendo l’andamento della domanda estera e il sostanziale arresto nell’anno in corso dei flussi turistici internazionali, per poi tornare a crescere nei due anni seguenti. Le importazioni seguirebbero una dinamica simile.

Le esportazioni di beni e servizi si ridurrebbero di quasi il 16 per cento nel 2020, riflettendo l’andamento della domanda estera e il sostanziale arresto nell’anno in corso dei flussi turistici internazionali, per poi tornare a crescere nei due anni seguenti. Le importazioni seguirebbero una dinamica simile. E’ quanto emerge dalle Proiezioni Macroeconomiche di Bankitalia, in riferimento allo scenario di base. “Sempre nello scenario di base l’occupazione, misurata in termini di ore lavorate, diminuirebbe quest’anno di quasi il 10 per cento, per poi recuperare metà della caduta nel 2021. Il numero di occupati si ridurrebbe tuttavia in misura più contenuta, attorno al 4,0 per cento nel 2020, grazie all’esteso ricorso alla Cassa integrazione guadagni (CIG)”. Nel worst case scenario, Bankitalia prevede un tonfo delle esportazioni del -20,3% nel 2020, e una ripresa del 4,8% e del 3,9% nel 2021 e 2022. Sempre nel worst case scenario l’occupazione, misurata in termini di ore lavorate, soffrirebbe un crollo del -13,4% nel 2020, e segnerebbe un recupero del 3,3% e 2,1% nel biennio successivo. Il numero degli occupati si ridurrebbe del -5,4% quest’anno, per salire dell’1,2% e dello 0,9% rispettivamente nel 2021 e 2022.

Nel 2020 i consumi delle famiglie scenderanno dell’8,9%, per poi segnare una ripresa nel 2021 e nel 2022 rispettivamente del 4,7% e dell’1,5%. E’ quanto emerge dalle Proiezioni Macroeconomiche di Bankitalia, in riferimento allo scenario di base. Nel worst case scenario, invece, i consumi soffrirebbero un tonfo del 13,1%, seguito da una ripresa del 4,1% e del 2,1% nei due anni successivi.

Questa voce è stata pubblicata in Economia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + = diciassette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>