Capital Group. Azionario USA, cosa abbiamo imparato dal bear market più breve della storia. Articolo di Martyn Hole

Martyn Hole

Martyn Hole

Questo è stato il bear market più rapido mai registrato, seguito poi da una ripresa altrettanto rapida. Tutto in questo ciclo è stato straordinariamente accelerato. Inoltre, è eccezionale il modo in cui questo fenomeno ha attraversato l’Asia, poi l’Europa e quindi gli Stati Uniti. Stiamo imparando molto da questi movimenti. L’impatto è globale, ma ci sono molte divergenze di rendimento nei vari settori. Detto questo, alcune di queste tendenze sono in gioco da un po’ di tempo. Per esempio, il settore dell’energia ha riportato un andamento negativo nel corso della crisi, ma questa non è una nuova sfida: i titoli del settore energetico non riescono a tenere il passo dal 2007. Si tratta di una classica sfida sul fronte della domanda e dell’offerta; i costi sono scesi, i margini sono sotto pressione e attualmente abbiamo livelli di stoccaggio record. Abbiamo molta disponibilità di materie prime e i livelli delle scorte non evaporeranno. Le società stanno mettendo in campo iniziative senza precedenti per quanto riguarda i dividendi, le strutture di capitale e le riduzioni al CapEx. Questo a sua volta porterà a un migliore equilibrio tra domanda e offerta, ma il processo di adeguamento è tuttora in corso e probabilmente non abbiamo ancora visto la fine del ciclo. Anche i dividendi ne risentono; molte aziende li stanno tagliando per preservare la liquidità e abbiamo visto banche centrali – come la Bce – invitare le aziende a proteggere il proprio flusso di cassa attraverso il taglio dei dividendi. Stiamo studiando quali siano le implicazioni per il lungo periodo. Negli Stati Uniti abbiamo già assistito a una riduzione del 3-4% sui dividendi quest’anno, ma è probabile che la cifra aumenti man mano che un maggior numero di aziende pubblicherà i risultati del secondo trimestre.

Il concetto di growth vs value è importante per i titoli USA, un altro modo di pensarla è titoli con multiplo basso (come molti energetici) contro titoli ad alto valore. Tuttavia, non è che tutti i titoli value abbiano fatto male; più che altro un gruppo di colossi statunitensi di tipo growth –quelli classificati come “winner takes most” – con attività durevoli, caratteristiche uniche e bilanci solidi hanno fatto molto bene. Lo stato patrimoniale è risultato davvero importante in questo periodo di incertezza; le aziende con molto indebitamento hanno riportato scarse performance in borsa.

Comprendere le aziende è importante. Le realtà di settori come la difesa, la tecnologia, la salute degli animali e i social media non hanno subito un grande impatto in questo periodo di volatilità del mercato dovuta al Covid-19. Poi ci sono i chiari beneficiari, come l’e-commerce e molte società dell’healthcare. Alcune soffrono sul breve, ma probabilmente si riprenderanno a lungo termine. E poi ci sono i player destinati a sentire l’impatto per un periodo molto lungo o addirittura per sempre, come molti ristoranti, piccole imprese, alcuni rivenditori e aziende di abbigliamento.

Sono anni che non abbiamo un periodo inflazionistico e non credo che vedremo l’inflazione nel breve termine – pochissime industrie hanno potere di determinazione dei prezzi – ma le prospettive di quest’ultima sono diventate sicuramente più preoccupanti a causa delle massicce misure di stimolo dei governi. Per il breve termine il consenso prevede che l’inflazione e i tassi d’interesse saranno più bassi più a lungo.

Martyn Hole, Investment Director di Capital Group

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + = undici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>