Schroders. Coronavirus, la microfinanza come soluzione anti-panico. Articolo di Philippe Müller

fotoLa continua diffusione del coronavirus (Covid-19) ha portato a crescenti timori riguardo all’impatto su catene di approvvigionamento, turismo e domanda globale. Le preoccupazioni hanno indotto crolli sostenuti nei mercati azionari, mentre i rendimenti dei titoli di Stato hanno toccato livelli minimi. Tuttavia, mentre le asset class tradizionali hanno reagito rapidamente, per valutare l’impatto sui mercati privati – e soprattutto su quelli della microfinanza – ci vorrà del tempo e gli effetti saranno diversi in base all’area geografica, al settore e al modello di business.  

Niente panico nella microfinanza. È importante notare che la microfinanza è storicamente meno correlata ai mercati pubblici: uno dei benefici degli investimenti in questa asset class è la diversificazione che può apportare ai portafogli degli investitori. Gli investimenti in microfinanza, soprattutto nei mercati emergenti e di frontiera, sono stati storicamente abbastanza resilienti agli shock di questo tipo, soprattutto se si guarda alla SARS nel 2002, alla crisi finanziaria globale nel 2008 e alla MERS nel 2012.

Mercati rurali e meno connessi = mercati meno impattati. Il rallentamento della crescita cinese potrebbe scatenare un effetto domino in altri mercati che dipendono ampiamente dalla Cina a livello di scambi commerciali, investimenti e turismo. Ad oggi, gran parte dei Paesi in cui investiamo hanno registrato un numero limitato di casi di Covid-19. Ciò, combinato con la brusca riduzione dei viaggi internazionali causata dal virus, potrebbe significare che la diffusione del virus nel mondo in via di sviluppo potrebbe restare relativamente contenuta, a livelli ancora inferiori per chi investe in aree rurali con una bassa densità di popolazione. Detto ciò, essendo specializzati nell’impact investing, riteniamo che in periodi di crisi i microimprenditori abbiano maggiormente bisogno di accesso al capitale, così come agli altri servizi di supporto per la generazione di reddito.

L’accesso a questi servizi libera il potenziale di persone che possono essere socialmente ed economicamente vulnerabili, e può aiutare a interrompere il ciclo di povertà e oppressione, emancipando individui, famiglie e comunità più ampie.

Un approccio pragmatico. Sebbene sia ancora troppo presto per quantificare gli effetti del virus sui nostri investimenti nel complesso, ci sono segmenti che a nostro avviso verranno impattati in modo più significativo. Finora, non abbiamo individuato nessun effetto significativo sulle società in cui investiamo, ma continuiamo a prestare particolare attenzione agli sviluppi in tal senso, allocando di conseguenza il nostro portafoglio.

Ci siamo attivati per ridurre il livello di investimento nei nostri portafogli di microfinanza e per concentrarci ulteriormente sulle società di qualità e sulle posizioni difensive nei nostri portafogli obbligazionari “impact”.

Philipp Müller, Head of Investment Solutions, BlueOrchard, Schroders

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>