Borsa. Milano appesa a Rousseau chiude a – 0,25%, Europa giù con la Brexit

Piazza Affari

Piazza Affari

Milano, 3 settembre – Piazza Affari, con il fiato sospeso per il risultato del voto degli iscritti alla piattaforma Rousseau del Movimento 5 Stelle, ha chiuso a -0,25%. I risultati arriveranno dopo le 18, ma i mercati, almeno a giudicare dallo spread, sembrano scommettere su un esito positivo: il differenziale Btp-Bund è sceso fino a 159 punti e ha chiuso a 161, dai 168 di ieri e un livello che non si vedeva da maggio 2018. Il rendimento decennale ha aggiornato il minimo storico calando fino allo 0,87% (0,9% alla chiusura). Nel resto del Vecchio Continente, le Borse europee hanno chiuso in calo una seduta trascorsa con il freno a mano tirato (Parigi -0,55%, Francoforte -0,36%, Madrid -0,2% circa e Londra +0,19%) con le tensioni sulla Brexit: il Vecchio Continente si è trovato stretto tra l’ansia per la prospettiva di un no-deal, che ha portato la sterlina ai minimi da ottobre 2016, e l’inasprirsi della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. I nuovi dazi sono scattati il primo settembre e il presidente americano Donald Trump ha nuovamente attaccato Pechino, pur confermando che il dialogo prosegue. Sul Ftse Mib, utility e banche a corrente alternata (Bper +1,67%, più deboli gli altri grandi istituti). La peggiore è stata Cnh Industrial (-3,46%, +13% la settimana scorsa): era arrivata a guadagnare più del 2% dopo la presentazione del piano industriale e la conferma dello spin-off di Iveco, poi sono scattate le prese di beneficio. A passo rapido invece Prysmian (+1,11%), che punta a rafforzarsi nel mercato dei cavi e dei sistemi per l’eolico offshore. Bene Fca (+0,88%, ma saliva del 3%), che accelera su voci possibili modifiche alleanza Nissan-Renault. Sul fronte valutario l’euro resta sui livelli di ieri e passa di mano 1,096 dollari (1,1093 all’avvio, 1,0963 ieri) e vale 115,992 yen, mentre il dollaro-yen è pari a 105,828. La sterlina è scesa sotto la soglia di 1,2 rispetto al biglietto verde, fino a un minimo di 1,1971, per poi risalire a 1,2085. Petrolio ancora in calo (-3,06% i future del Wti a ottobre, -1,99% quelli del Brent a novembre).

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>