Fed. Taglia i tassi di 25 punti al 2-2,25%. E’ la prima volta dal 2008

La Federal Reserve

La Federal Reserve

New York, 31 luglio – Come ampiamente atteso, la banca centrale americana ha annunciato il primo taglio dei tassi dal dicembre del 2008, quando nel pieno di una crisi finanziaria li aveva portati al minimo storico pari allo 0-0,25%. Alla fine della sua quinta riunione del 2019, il Federal Open Market Committee – il braccio di politica monetaria della Federal Reserve – ha deciso di ridurre il costo del denaro di 25 punti base al 2-2,25%. Solo nel dicembre del 2018 l’istituto aveva alzato i tassi per la quarta volta in quell’anno, la nona da quando nel dicembre del 2015 l’allora governatrice Janet Yellen annunciò il primo rialzo del costo del denaro dal giugno del 2006. Come aveva detto in un discorso da Chicago il 4 giugno scorso il suo governatore, e come scritto nel comunicato diffuso nella riunione del 18-19 giugno scorsi, la Federal Reserve ha ribadito che “agirà” in modo appropriato per sostenere l’espansione, con un mercato del lavoro forte e un’inflazione vicina all’obiettivo simmetrico del 2%”. E’ quanto si legge nel comunicato diffuso oggi dalla banca centrale alla fine della sua riunione. Alla luce di incertezze e pressioni inflative assenti, la Fed ha anche detto che “continuerà” a monitorare le implicazioni dei dati in arrivo per l’outlook economico”.

 

Questa voce è stata pubblicata in Economia, Finanza e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sei = tredici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>