Borsa. Europa chiude sui minimi con il nuovo calo del greggio. Giù anche Milano (-0,56%)

PALAZZO MEZZANOTTEMilano, 17 luglio – Dopo una seduta all’insegna dell’incertezza, complici le nuove schermaglie commerciali tra Usa e Cina, le Borse europee perdono terreno nel finale, causa la debolezza di Wall Street e l’inversione di rotta del greggio. Il Wti, che già ieri aveva perso il 4% sull’ipotesi di un negoziato Usa-Iran, ora cede lo 0,7% a 57,4 dollari al barile. Ne risente tutto il comparto energetico in Europa, il peggiore insieme alle banche. A Piazza Affari, che ripiega dai massimi di un anno e chiude a -0,56% (comunque sopra quota 22mila punti), spiccano i cali di Tenaris (-3,8%), Saipem (-2,7%) e Pirelli (-3,4%), che già ieri aveva lasciato sul terreno il 2,5%. Vendite anche sul comparto del credito, in particolare su Finecobank (-2,2%) e Banco Bpm (-1,6%). Per contro, il basso livello dei rendimenti sull’obbligazionario – lo spread Btp-Bund chiude in leggero aumento a 289 punti base – spinge ancora le utility, con Enel e Terna rispettivamente in rialzo dell’1% e dello 0,56%. Vola al debutto sull’Aim Pattern, specializzata nei vestiti di alta gamma, che balza del 15%. Sul fronte dei cambi, l’euro recupera sul dollaro e si porta a quota 1,123 (1,1216 dollari ieri) e vale inoltre 121,37 yen (121,457 yen), mentre il cambio dollaro/yen è pari a 108,09 (108,287).

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sette = tredici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>