Borsa. Fed e petrolio accendono i mercati. Milano chiude a +0,66%

PALAZZO MEZZANOTTEMilano, 20 giugno – Chiusura in rialzo per le Borse europee dopo i toni accomodanti della Fed che di fatto hanno aperto la strada a un taglio dei tassi d’interesse in tempi abbastanza ravvicinati. A Wall Street l’indice S&P500 ha aggiornato nuovi massimi, in concomitanza di una fiammata di oro e petrolio sulla scia delle tensioni Usa-Iran dopo l’abbattimento di un drone americano. Milano ha terminato le contrattazioni in progresso dello 0,66%. Lo spread dopo essere sceso ai minimi da nove mesi, si è impennato a sorpresa sul finale a 248,6 punti. Il differenziale tra Btp e Bund è rimasto comunque su livelli contenuti, nonostante l’Istat abbia ammonito che il Pil italiano del secondo trimestre potrebbe tornare a scendere. A Piazza Affari si sono messe in evidenza le azioni del comparto ‘oil’, spinte su dall’impennata del prezzo del greggio. Ferrari (+2,29%) si è portata su nuovi massimi storici, mettendo a segno da inizio anno attorno al 65%. Della galassia Agnelli si sono messe in evidenza le Fca (+1,2%), mentre il mercato si interroga se ci siano i termini per una riapertura delle trattative con Renault. Hanno invece registrato un andamento contrastato le banche. Sul fronte dei cambi, il dollaro si è indebolito sulla prospettiva di un imminente taglio dei tassi Usa. Così l’euro-dollaro, dopo essersi spinto sopra 1,13, adesso passa di mano a 1,1287 (da 1,1218 ieri in chiusura), mentre il dollaro-yen si attesta a 107,53, minimo dall’aprile 2018 (ieri era a 108,36). Il petrolio è in robusto guadagno e ha accelerato al rialzo dopo che il presidente americano Donald Trump ha definito ‘grave errore’ l’abbattimento del drone americano da parte dell’Iran: il wti, contratto con consegna ad agosto, sale del 5,58% attestandosi a 56,98 dollari al barile. La notizia ha messo le ali anche all’oro che dunque si è spinto ai massimi da cinque anni sfiorando la soglia di 1400 dollari all’oncia.

 

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ uno = nove

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>