Dorval. Scenario di ripresa: è il momento dello stress test

FOTO CRESCITASecondo Chauchat, L’aumento a sorpresa dei dazi doganali americani dal 10% al 25% su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi e la minaccia di un’estensione a tutte le importazioni provenienti dalla Cina hanno logicamente turbato i mercati finanziari. Attesa da tutti per l’estate, la firma dell’accordo commerciale fra Cina e Stati Uniti viene ora rimessa in discussione. La Cina si preoccupa di un accordo che ne limiti eccessivamente la sovranità, mentre Donald Trump teme che una rapida intesa sia percepita dall’elettorato come un segno di debolezza su una questione strategica. Le ritorsioni della Cina sulle importazioni americane e la possibile estensione dei dazi USA ai beni di consumo, fra cui numerosi prodotti a stelle e strisce fabbricati in Cina, rappresentano una minaccia per Wall Street. Inoltre, Donald Trump può dichiarare guerra anche all’UE. Come sempre, la brusca inversione delle borse dovrebbe riaccendere l’eterno dibattito sulle valutazioni azionarie. Warren Buffet suggeriva di recente che le quotazioni sono ancora molto interessanti, dati i tassi di interesse a lungo termine ai minimi. Tuttavia, negli ultimi 20 anni la tendenza al ribasso dei rendimenti obbligazionari non ha prodotto alcuna tendenza al rialzo dei P/E. Al contrario, secondo gli uccelli del malaugurio, l’elevato livello del P/E corretto per il ciclo (P/E di Shiller) dell’S&P 500 sarebbe un segno nefasto. Ma al di fuori degli Stati Uniti il P/E di Shiller è ancora basso, un elemento che affievolisce la tesi a favore di una generale sopravvalutazione dell’azionario globale. Il nostro giudizio resta invariato: le borse mondiali presentano valutazioni eque. A fronte di valutazioni normali, una crescita economica resiliente ma non ancora.

François-Xavier Chauchat, Chief Economist di Dorval Asset Management

Questa voce è stata pubblicata in Economia, Finanza e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + = diciassette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>