Borsa. Dialogo Usa-Cina spinge i listini, Milano tiene (+0,25%) nonostante i bancari

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

La Borsa in Piazza degli Affari a Milano

Milano, 8 gennaio – L’ottimismo su una possibile pax commerciale tra Usa e Cina ha dato la spinta ai principali listini europei, che hanno chiuso la seduta in territorio positivo. Le trattative a Pechino proseguiranno fino a domani ma finora sono andate ‘molto bene’ come ha certificato in un tweet il presidente Donald Trump, amplificando così le speranze degli investitori su un accordo che eviti la guerra commerciale. A trainare il Ftse Mib, che ha chiuso in rialzo dello 0,25%, ci hanno pensato Amplifon (+5,5%) e Finecobank (+4,2%) con la raccolta record nel 2018 a 6,2 miliardi. La piazza milanese è stata, però, frenata dai titoli bancari, quasi tutti in affanno all’indomani del decreto con cui il governo Conte ha “salvato” Banca Carige (con la garanzia sulle emissioni dei bond e la possibilità di una ricapitalizzazione a carico del Tesoro come avvenuto con Mps), mentre non ci sono stati contraccolpi sullo spread che ha chiuso in leggero rialzo a 273 punti. Bper ha terminato la seduta in fondo al listino (-2,2%) seguita da Unicredit (-1,6%), Intesa Sanpaolo (-1,2%) e gli altri big del credito. Fuori dal Ftse Mib da registrare il tonfo della maison Brunello Cucinelli (-11,7%) nonostante i conti in linea con le stime. Sul fronte dei cambi, tornano gli acquisti sul dollaro con l’euro sceso a 1,1436 (da 1,1465 di ieri). La moneta unica vale verso lo yen 124,23 (124,4), mentre il dollaro/yen è pari a 108,65 (108,49). In rialzo, infine, il petrolio: il Wti con contratto con consegna a febbraio è a 49,32 dollari (+1,57%) mentre il Brent consegna marzo è a 58,1 dollari (+1,3%).

Questa voce è stata pubblicata in Finanza e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + uno =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>